mercoledì 28 dicembre 2011

MI INVITI AL TUO DIRETTIVO?


Questa la lettera che ho scritto oggi alle Associazioni Sportive Cernuschesi per costruire insieme il Piano di Sostegno allo Sport 2012. Sono convinto che lo sforzo di condivisione all'interno di ogni singola associazione sportiva sia fondamentale per far crescere l'intero movimento sportivo della città.


Alle Associazioni Sportive Cernuschesi.

Lo scorso 1 Marzo presentavo in Consiglio Comunale il Piano di sostegno allo Sport 2011 con l'ambizione che questo documento diventasse la piattaforma sulla quale condividere insieme e poi attuare - con modalità progettuali certo da sviluppare - azioni di sostegno della pratica sportiva: oltre ai contenuti, proponevo dunque anche un metodo operativo.

Il lavoro per il 2011 si è concluso lo scorso 20 Dicembre in occasione dell’Assemblea della Consulta dello Sport, durante la quale ho condiviso con Voi il documento “Che movimento sportivo in città!” a consuntivo di un anno di politiche sportive: nella sezione dedicata sul sito I sport Cernusco trovate la versione pdf di questa presentazione e vi invito a farmi pervenire, in forma pubblica oppure anche in maniera riservata a questa mail, i Vostri commenti.

Poiché personalmente sono molto soddisfatto di questo strumento di lavoro ma vorrei ampliarne la fase di condivisione progettuale, per la costruzione del Piano 2012 - oltre alla discussione aperta che ci sarà in Consulta dello Sport - vorrei dedicare il mese di Gennaio a raccogliere spunti e contributi da parte delle singole Associazioni Sportive: non sarà un momento in cui sfogarsi su disagi o chiedere attenzione ad eventuali problemi, quanto piuttosto un momento per capire insieme come l’attività di ogni singola associazione possa ancor più integrarsi nel prossimo anno con l’azione di tutto il mondo sportivo della città (e viceversa) per ottenere una maggiore reciproca valorizzazione. E magari avere idee nuove insieme.

Per questo motivo sono disponibile ad incontrare (mi piacerebbe presso le rispettive sedi) i singoli Direttivi delle Associazioni Sportive che lo vorranno: chiedo solo alle Associazioni di avvisarmi per tempo, rispondendo a questa mail, circa una possibile data (magari avete già un Direttivo in agenda) in modo da organizzarmi.

Vi ringrazio dell’attenzione che mi dedicherete e colgo intanto l’occasione per augurare a tutti Voi un fantastico 2012: ogni cosa sembra impossibile prima che accada!

A presto,

Ermanno Zacchetti

PIANO DI SOSTEGNO ALLO SPORT 2011: TIRIAMO LE SOMME

Dieci mesi fa presentavo alla città e agli sportivi Cernuschesi il PIano di sostegno allo Sport 2011 del Comune di Cernusco sul Naviglio "C'è movimento sportivo in città" con l'ambizione di farlo diventare uno strumento per la condivisione e l'attuazione di azioni a sostegno della pratica sportiva: personalmente ritengo sia stato uno strumento di lavoro davvero utile perchè ha rappresentato il riferimento di tutti gli interventi posti in essere dall'Amministrazione in tema di politica sportiva.

Come ogni progetto che si rispetti, è ora necessario che alla fase operativa segua un momento di verifica e di confronto su quanto concretamente fatto: lo presento nel documento "Che movimento sportivo in città!" affinchè quanto fatto, sia quanto non interamente completato, possa diventare patrimonio comune di tutto il movimento sportivo Cernuschese e sia la base di partenza per il cammino futuro.

Ho già presentato il documento al Direttivo della Consulta e poi all'Assemblea della Consulta nella settimana prima di Natale; ora è disponibile per tutti sul sito di I Sport Cernusco (qui il link).

Commenti e/o chiarimenti da parte di associazioni, sportivi o semplici cittadini sono benvenuti, sia pubblici (basta postare qui sotto) sia in forma privata alla mail ermanno.zacchetti@comune.cernuscosulnaviglio.mi.it.

A Gennaio entriamo nel vivo con la costruzione del Piano 2012.

lunedì 28 novembre 2011

IL LOGO "SHOPPING IN FAMIGLIA" IN ANTEPRIMA PER IL NATALE A CERNUSCO

Riconosciuto ma non finanziato dalla Regione Lombardia, in attesa della formalizzazione da parte della Regione stessa (dovrebbe avvenire nei primi mesi del 2012), il Distretto Urbano del Commercio di Cernusco sul Naviglio non perde tempo e si propone per la prima volta in questo Natale 2011 con un logo che apparirà su volantini e locandine a promozione delle iniziative (le luminaire, il trenino per i più piccoli nelle vie del centro storico, il pomeriggio con Babbo Natale) organizzate da Assessorato al Commercio e Unione Commercianti in queste settimane verso le festività natalizie.

Sulla scia dei loghi di altri distretti del commercio che richiamano il claim del DUC + un elemento urbano della città, il nostro logo riprende i colori tipici dello stemma ufficiale di Cernusco + il claim del DUC "Shopping in famiglia" + il bruco di Piazza Gavazzi, la piazza forse più "abitata" (proprio per il bruco) dai bambini e ora "supportata" in questa accoglienza anche dai giochi installati sull'ex campo di bocce lì vicino (intervento inserito nel Progetto di DUC).

Il logo è proposto in anteprima sui materiali di comunicazione in attesa dell'adozione ufficiale: qualsiasi commento è davvero il benvenuto.

mercoledì 23 novembre 2011

LA BORSA DELLO SPORT DIVENTA REALTA'

Oltre al bando "Insieme nello sport" di cui il post sotto, la Giunta di oggi ha anche approvato il progetto "Borsa dello sport": un fondo di 10.000 euro a sostegno dell'iscrizione alla pratica sportiva - attraverso un contributo massimo di 200 euro ad atleta e fino ad un massimo del 40% del costo sostenuto - di atleti tra i 6 e i 17 anni appartenenti a famiglie con difficoltà economiche.

E' un altro punto del "Piano di sostegno allo sport" che si realizza, è un modo per rendere concreta l'idea di sport per tutti, è un segno per sostenere lo sport come diritto.

Con l'approvazione di questa iniziativa, diventa pressochè completa l'attuazione del Piano di sostegno allo sport 2011 "C'è movimento sportivo in città": nelle prossime settimane preparerò un riepilogo di quanto fatto quest'anno da presentare alla Consulta dello sport e alla città. Una prima occasione sarà comunque la serata di domani giovedì 24 Novembre, ore 21.00 in Sala Consigliare, dedicata al Bilancio di Mandato su Sport e Politiche Giovanili.

E' inutile dirlo: stasera sono molto contento.

martedì 22 novembre 2011

APPROVATO IL BANDO PER SPORT E DISABILITA'

La Giunta Comunale ha approvato oggi il bando "Insieme nello sport" destinato a co-finanziare, attraverso uno stanziamento complessivo di 3.000 euro, uno o più progetti per (cito il bando):

1. intervenire a favore di bambini, ragazzi e adulti che presentino forme di disabilità creando una sensibilizzazione alla cultura e ai valori dello sport con opportunità di avviamento alla pratica sportiva individuale o di squadra;

2. promuovere la cultura dello sport come strumento di inclusione sociale per favorire la socializzazione e prevenire forme di disagio dovute a svantaggio sociale ed esclusione.

Oltre all'oggettiva valenza positività di questa azione, ci sono ulteriori aspetti a mio avviso non secondari degni di sottolineatura (li indico non necessariamente in ordine di importanza).

Prima di tutto la forma: il bando x un co-finanziamento. A mia personale memoria per la prima volta nella storia dello sport Cernuschese, il Comune chiede attraverso un bando pubblico di realizzare un progetto di natura sportiva, in piú destinato ad una iniziativa straordinaria quali sono i temi "sport e disabilità" e "sport e inclusione sociale".

Poi, i soggetti propositivi e i destinatari: le associazioni sportive di Cernusco e gli atleti diversamente abili. Alle prime, che spesso realizzano progetti di solidarietà e integrazione solo grazie all'intraprendenza dei propri volontari e dirigenti, è principalmente rivolta la sfida di strutturarsi per costruire un progetto da perseguire attraverso una chiara azione condivisa; ai secondi sono invece destinati i benefici dell'azione, nella convinzione che uno sport di tutti lo sia davvero se non rimane solo uno slogan. L'apertura alle esigenze della città (e di alcuni suoi cittadini in particolare) da parte delle associazioni sportive cernuschesi le renderà protagoniste anche al d fuori del circoscritto campo da gioco: é l'idea di sport che si riversa in città e di città che entra nei centri sportivi, non solo fisicamente ma anche come attenzione e sviluppo reciproci.

Infine: la progettualità. L'aver inserito questo progetto nel "Piano di sostegno allo sport 2011" ad inizio anno, l'aver allocato dei soldi per la sua proposizione e l'averli mantenuti nella disponibilità di spesa per questa finalità, il lavoro fatto dagli uffici per la predisposizione del bando: sono tutti spunti importanti per un lavoro di programmazione anche in tema di politiche sportive.

Mi rendo conto come la cifra totale prevista - 3.000 euro - non sia enorme, anzi. Ma per lo stile di fare sport "vero, leale e di tutti" che essa rende concreto e per tutte le motivazioni di cui sopra, essa appare in realtà come un grande tesoro, per la prima volta - ma spero anche e ancor di più nei prossimi anni - a disposizione dello sport e della città.

venerdì 11 novembre 2011

NUOVA TRIBUNA, UN ALTRO PASSO PER UN'IMPIANTISTICA SPORTIVA DI QUALITA'

Questa la lettera che ho scritto in occasione dell'inaugurazione delle Nuove Tribune che vivremo domattina sabato 12 Novembre alle ore 10.30 c/o il Centro Sportivo di via Buonarroti



Amici Sportivi, rappresentanti del Direttivo della Consulta dello Sport e delle Associazioni tutte,

domani sabato 12 Novembre verrà inaugurata presso il centro sportivo di via Buonarroti la nuova struttura, “tribuna e spogliatoi”, annessa allo storico campo di calcio Comunale: ci tengo ad invitarVi personalmente per condividere con Voi questo importante appuntamento e colgo l’occasione per darvi alcune informazioni circa la nuova costruzione.

Come sapete, l’idea del nuovo impianto nasce dall’esigenza di intervenire su una struttura vecchia e di fatto non più idonea all’attuale domanda. Dalla sua demolizione è sorto un complesso dotato di:
• sei ampi spogliatoi capaci di accogliere oltre 20 persone;
• quattro spogliatoi di capacità più ridotta;
• una tribuna da 410 posti;
• due grandi magazzini per complessivi 160 mq circa;
• due locali magazzino più piccoli;
• un locale ufficio/segreteria;
• una sala riunione per 15/20 persone;
• un locale pronto soccorso.

C’è anche una grande innovazione: l'acqua calda che servirà gli spogliatoi arriverà da pannelli solari che, adeguatamente posizionati sui primi due spogliatoi orientati verso sud, permetteranno di avere notevoli risparmi.

La tribuna da 410 posti riprende lo stile tanto apprezzato della precedente: compatta e vicina al campo, ha tutte le caratteristiche per far sentire il calore del pubblico ai giocatori in campo. Gli altri spazi ricavati rispondono invece ad importanti esigenze sollevate dalle Associazioni Sportive già nel 2006. La nuova struttura manderà in pensione le sistemazioni provvisorie affittate durante questo periodo di “lavori in corso”, mentre il campo di calcio – per una parte soggetto ad una operazione di inerbimento a causa dell’invasività del cantiere – sarà pienamente utilizzabile per gare ufficiali solo dal mese di dicembre prossimo.

La struttura che andiamo ad inaugurare, costata al Comune circa 1.300.000 euro, si inserisce in un quadro di interventi realizzati dal Comune in questi cinque anni - dalla realizzazione del nuovo spazio di sport, idee e socialità del Centro Natatorio, alla già citata predisposizione di nuovi spogliatoi per il campo da rugby; dalla ristrutturazione degli impianti termici dello Stadio “Gaetano Scirea” alla ricostruzione del Bocciodromo, fino all’imminente ultimazione del nuovo campo da Softball – destinati a garantire ad associazioni e sportivi contesti adeguati alla loro pratica sportiva. Nella sua valutazione funzionale all’interno del centro sportivo (da fare necessariamente nella sua globalità), è chiara la destinazione di questa nuova costruzione a servizio dei campi da gioco e dell’attività associativa propria, lasciando invece ad altre strutture (il centro natatorio coperto e scoperto, il Bocciodromo) la funzione aggregativa e di socialità.

Credo sia anche giusto in questo contesto aggiungere alcune riflessioni di carattere generale, chiudendo poi con uno sguardo al futuro.

Alcuni aspetti di questa ristrutturazione sono ancora da rendere concreti e rappresentano un obiettivo del prossimo anno, ma nel frattempo sono stati predisposti alcuni interventi per l’immediato utilizzo dell’impianto, come ad esempio la gettata d’asfalto per l’accesso alla tribuna e agli spogliatoi, con della ghiaia nella parte Nord. Altri verranno invece implementati nelle prossime settimane: i rubinetti per il lavaggio scarpe, l’arredamento del locale segreteria e della sala riunione; l’illuminazione degli accessi ai campi da tennis nella parte verso l’Itsos. Altri sono ancora in valutazione, come il proseguimento del tunnel di ingresso dagli spogliatoi al campo. Altri ancora, infine, non sono stati realizzati e nemmeno progettati purtroppo per questioni di budget: la copertura della tribuna con impianto fotovoltaico (la cui predisposizione è comunque già presente), l’ammodernamento dell’impianto di illuminazione del campo, la sistemazione della recinzione del campo nella parte Est (quella verso il campo da baseball), la sistemazione del manto erboso del campo stesso.
Dal punto di vista di quello che è stato fatto e quello che ancora c’è da fare, dunque, è chiaro come questa nuova struttura rappresenti un ulteriore importante passo verso la completa ristrutturazione del centro sportivo, certo non ancora terminata ma in maniera altrettanto evidente ampiamente realizzata – forse come non mai in così poco tempo. Credo sia evidente a tutti noi quanto questa realizzazione, peraltro portata a termine in un momento economico difficile, elevi ancor di più l’eccellenza dell’impiantistica sportiva della città.

Concludo con tre accenni di prospettiva.

Innanzitutto, la definizione del bando per la gestione del centro sportivo, scelta rinviata in accordo con la Consulta Sport per evitare che il gestore fosse chiamato ad operare in un contesto di agibilità precaria: ora è il momento di riprendere in mano la bozza di bando – cosa che insieme all’Ufficio Sport abbiamo già fatto – ed è mia intenzione far giocare un ruolo da protagoniste alle Associazioni Sportive Cernuschesi e poterlo indire prima della scadenza di questo mandato amministrativo, in modo che sia operativo per la stagione 2012/13.
Ancora, la riconsegna tra qualche settimana del campo potrà ulteriormente razionalizzare l’utilizzo degli impianti per sport omogenei, scongiurando tutte le possibili occasioni di contrasto tra differenti discipline sportive obbligate nello stesso spazio.
Infine, terminati i lavori, è ora possibile richiedere a tutti una maggiore collaborazione affinché il Centro Sportivo ritorni ad essere interamente interdetto ad autovetture e motocicli: uno spazio pedonale per sport e socialità.

Non mi resta che ringraziarvi per la disponibilità con la quale abbiamo condiviso questo periodo di precarietà dovuto ai lavori in corso e permettetemi di ringraziare anche l’Ufficio Sport e l’Ufficio Tecnico del Comune per aver garantito durante i lavori il regolare svolgimento dell’attività sportiva delle venti Associazioni Sportive coinvolte.

Credo di avervi raccontato tutto, ma per qualsiasi approfondimento e chiarimento sono qui.

A presto,

Ermanno Zacchetti - Assessore allo Sport


(su questo argomento vedi anche il blog del Sindaco Eugenio Comincini)

giovedì 10 novembre 2011

GESTIONE CENTRO SPORTIVO: A DOMANDA, RISPONDO


Il Consigliere e amico Claudio Gargantini sul suo blog ha recentemente affrontato diversi temi legati allo sport cittadino, esprimendo la sua opinione sulle azioni dell'Amministrazione Comincini: non sono d'accordo con l’impianto complessivo della sua analisi, ma non è questa la sede per controbattere punto su punto.
A tal riguardo posso anticipare che per la predisposizione del Bilancio di Mandato, le cui linee guida sono state approvate dal Consiglio Comunale, il tema sportivo sarà oggetto di una serata aperta (probabilmente entro la fine di Novembre) di approfondimento e confronto su quanto fatto in questi 5 anni dall’Amministrazione. L’incontro sarà rivolto soprattutto agli stakeholders dello sport cittadino e lì avrò modo di esprimere il mio punto di vista.

Mi preme qui invece affrontare brevemente il dubbio del Consigliere Gargantini (cito le sue parole) "sull'eccessivo contributo che il comune concede all'Enjoy quale gestore del centro sportivo (ndr: di via Buonarroti). 190.000 euro l'anno concessi anno per anno da tre anni a questa parte. Un bando, come ben fatto anche per le scuole, avrebbe sicuramente abbassato il costo della gestione liberando risorse utili per il sostegno delle società sportive. Qui Zacchetti dovrà spiegare il motivo di tale incarico dato all'Enjoy, reso ancor più imbarazzante dal parere positivo della Consulta di cui è Presidente un titolare dell'Enjoy".

Premetto che mi sembra legittimo che chiunque chieda chiarimenti di questo tipo utilizzando new media e social network (in questo caso un blog personale), ma mi sembra altrettanto giusto ricordare che un Consigliere Comunale abbia in primo luogo altri strumenti e luoghi per esercitare il proprio mandato in maniera costruttiva e dialettica. "Ma Zacchetti dovrà spiegare", certo...e Gargantini poteva tranquillamente chiedere se aveva dubbi. Se Gargantini fosse maggiormente presente nei momenti istituzionali a lui riservati in qualità di Consigliere Comunale e in piú non fosse uscito polemicamente dalla Consulta dello Sport nel Dicembre 2009 (ma ho avuto già modo di esprimergli personalmente questa mia opinione) forse avrebbe ora meno dubbi e il movimento Sportivo Cernuschese avrebbe fatto ulteriori passi in avanti.

Parto comunque dall'inizio - anno 2007 - e dall'allora situazione gestionale del Centro Sportivo di via Buonarroti:
• Piscina coperta gestita da Enjoy Sport, Associazione Sportiva Dilettantistica di Cernusco;
• Palazzetto dello Sport - appena consegnato e gestito dall'Ufficio Sport;
• Stadio Gaetano Scirea gestito dall'AC Cernusco per conto della Federazione Calcio;
• Resto del centro Sportivo gestito da Cernusco Verde.
Il tutto con l'aggiunta dell'utilizzo delle strutture sportive - dall'anno precedente - da parte della Facoltà di Scienze Motorie e con la pessima esperienza di alcuni anni prima, quando un bando pubblico aveva assegnato la gestione del centro ad una realtà imprenditoriale non cittadina con però risultati disastrosi e risoluzione anticipata del rapporto.

Il primo affidamento diretto - di natura temporanea annuale - della gestione dell'intero centro sportivo a Enjoy è datato stagione 2009/10 ed è frutto di differenti considerazioni/valutazioni emerse nel corso di quegli anni:
• La rinuncia alla gestione dello Stadio Scirea dalla stagione 2008/09 da parte della Federazione Calcio e dell’AC Cernusco sempre più in difficoltà a sostenerne i costi;
• La crescente insoddisfazione da parte delle Associazioni Sportive per la gestione poca attenta alle ragioni dello sport da parte di Cernusco Verde;
• Una valutazione positiva condivisa tra gli utilizzatori degli impianti sportivi circa la capacità gestionale Enjoy anche in considerazione del progetto per il nuovo Centro Natatorio;
• La necessità di affidamenti temporanei da parte del Comune per consentire di capire quale soluzione a medio-lungo termine si sarebbe dovuta prevedere alla luce dello stretto confronto Amministrazione-Facoltà di Scienze Motorie;
• La volontà di voler offrire alle Associazioni utilizzatrici un servizio davvero di eccellenza.

Non ero io Assessore all'epoca, ma so che il corrispettivo venne quantificato sulla base dei servizi richiesti nel capitolato e sulla stima delle ore necessarie per garantire questi servizi. Ad esempio tra i vari compiti assegnati: taglio erba, apertura e chiusura, guardiania per tutta la giornata, gestione degli spazi secondo le indicazioni dell'Ufficio Sport, pulizia del centro e degli spogliatoi in particolare 1 volta al giorno per tutti i giorni dell'anno, piccola manutenzione ordinaria (che spesso garantisce quella celerità d'intervento non sempre garantita dalla macchina comunale), ...

Nei mesi seguenti, il primo punto chiarito tra Amministrazione e Università fu il fatto che non sarebbe stata l'Università stessa a gestire gli impianti comunali: per questo motivo, all'inizio del 2010, l'Ufficio Sport iniziò a lavorare sulla bozza di bando per la gestione quinquennale del centro ai sensi della Legge Regionale N.27/2006 (Concessione di impianti senza rilevanza economica) al quale avrebbero potuto partecipare soggetti sportivi operanti sul territorio Cernuschese e Iscritte al registro delle Associazioni Sportive di Cernusco (le nostre associazioni stesse!), chiedendo al Direttivo della Consulta il parere circa le linee guida del bando stesso. Il 1 Marzo 2010, alla luce dell'imminente apertura dei cantieri per la costruzione del nuovo centro natatorio e per il rifacimento della vecchia tribuna, il Direttivo della Consulta diede il parere di non procedere al bando.

Nel Luglio 2010, nominato Assessore allo Sport, non trovai evidenziate situazioni di disservizio (se non in 1 caso controverso su circa 20 associazioni coinvolte) ma anzi raccolsi un diffuso parere positivo sull'operato di Enjoy e - proseguendo i lavori di ristrutturazione di cui sopra - diedi seguito al parere del Direttivo della Consulta rinnovando l'affidamento temporaneo per un altro anno a Enjoy.

Come è noto, il nuovo Centro Natatorio è stato aperto il mese scorso, mentre tra pochi giorni verranno inaugurate le nuove tribune, con il campo annesso che diverrà agibile un po' più in là; anche l’impianto per il softball sarà ultimato nei prossimi mesi. A me e alla Giunta è sembrato logico ed opportuno andare ad una gara per la scelta del gestore con i lavori terminati ed il Centro in pieno funzionamento. Per questo anche per il terzo anno ho rinnovato la gestione a Enjoy, ma nel frattempo abbiamo ripreso in mano la bozza di bando perché è mia intenzione poterlo indire prima della scadenza di questo mandato amministrativo in modo che sia operativo dalla stagione 2012/13. Lo proporrò a tema del prossimo Direttivo della Consulta. Nel frattempo, rispetto al 2007, i costi gestionali del centro sportivo sono diminuiti e il grado di soddisfazione delle associazioni sportive per il servizio è decisamente cresciuto. Leggo invece sulla stampa locale che in altri paesi proprio qui vicino a noi la partenza dei corsi di nuoto per la stagione sportiva 2011/12 non è ancora avvenuta per problemi con il gestore del Centro Sportivo.

Per quanto mi riguarda questo è tutto, ma ovviamente sono disponibile come sempre - insieme agli Uffici competenti - per qualsiasi approfondimento.

Chiudo con una battuta. Nell'Ottobre 2009 in una intervista a In Folio, Gargantini (allora ancora in maggioranza e membro della Consulta) espresse un voto pari a 7 ai primi due anni di Amministrazione Comincini in tema di politiche sportive; in un'intervista alla Gazzetta della Martesana ora che è indipendente, il giudizio diventa 6. Da scolaro un po’ presuntuoso mi permetto di chiedere al maestro: non aveva detto che "con Zacchetti l’aria è cambiata" ? Ma in effetti aveva dimenticato di precisare se in meglio o in peggio :-)

venerdì 21 ottobre 2011

A PROPOSITO DI CERNUSCO, COMMERCIO E DISTRETTI

La scorsa settimana la Regione Lombardia ha ufficializzato sul proprio sito i risultati del 4° Bando dei Distretti del Commercio, rendendo pubblici i nomi dei 28 progetti ammessi e finanziati, dei 25 ammessi ma non finanziati per esaurimento delle risorse finanziarie e dei 22 non ammessi.
Il nostro progetto “Shopping in famiglia” è stato inserito tra i 25 progetti ammessi ma non finanziati per la limitatezza dei fondi disponibili.


La prima reazione a caldo che ho postato su Facebook, dopo aver avvisato il Presidente dell’Unione Commercianti Enzo Tufo con cui avevo condiviso questo lavoro, è stata di delusione: “E’ vero che non eravamo mai arrivati fino a questo livello di progettualità xchè era di fatto la prima volta che ci avevamo provato, ma stasera prevale il rammarico x un’occasione persa. Nei prossimi giorni incontrerò i commercianti x capire insieme quali passi fare ora, anche partendo dal progetto di Distretto che abbiamo elaborato la scorsa primavera e che contiene spunti di sviluppo certamente interessanti”.
Spiego. Mai a Cernusco era stato fatto un lavoro tanto approfondito di studio e di progettualità sul commercio locale, che ci aveva fatto impiegare risorse umane ed economiche (5.000 euro) per la realizzazione del progetto: per questo ero orgoglioso di averlo portato a termine e nello stesso tempo deluso per il mancato finanziamento. Non autocritico, perché il nostro lo avevamo fatto…ma deluso del risultato sì.

Nei 10 giorni seguenti abbiamo fatto però passi in avanti.
Ho chiesto agli uffici comunali l’accesso agli atti del bando, giusto per capire su quali punti il nostro progetto era stato giudicato carente e quali invece erano stati i punti di forza: siamo in attesa di una risposta da parte della Regione.
Poi lunedì sera ho incontrato i commercianti (erano una trentina) per parlare del Natale…ho apertamente affrontato e spiegato l’esito del bando, nei termini di cui sopra. Ringrazio i presenti per l’unanime consenso su quanto fatto (“…Assessore, almeno questa volta ci abbiamo provato…” era la frase più ricorrente).
Infine Martedì è arrivata la comunicazione ufficiale da parte della Regione Lombardia: “…il programma di intervento presentato dal Suo Ente, sebbene abbia raggiunto il punteggio minimo richiesto dal bando, non è finanziabile per esaurimento della dotazione finanziaria stanziata…è però possibile richiedere il riconoscimento del distretto al fine di usufruire delle opportunità consentite, considerando che la documentazione richiesta è già stata prodotta…”. Dunque: seppur non finanziato, il nostro progetto è stato valutato positivamente, la Regione ha deciso di riconoscere come Distretti anche i progetti non finanziati ma meritevoli e dunque abbiamo già dato il via all’iter burocratico con la Regione perchè Cernusco diventi a tutti gli effetti Distretto del Commercio.

E’ inutile dire che stiamo già lavorando al futuro anche al di là degli aspetti burocratici, cercando di coordinare l’immagine e la comunicazione in vista del Natale (speriamo di farcela) proprio sotto l’idea di DUC “Shopping in famiglia”: dovrei vedere nei prossimi giorni una prima bozza di logo e stiamo pensando a come sviluppare in futuro il sito internet dedicato al DUC (consapevole che un’immagine non si costruisce in poche settimane). Gli interventi in carico all’Amministrazione Comunale previsti nel progetto verranno (sono stati) comunque fatti: il parcheggio al fianco della fermata della MM2 (lo scorso Agosto), i giochi in piazza Gavazzi (tra poche settimane), il wifi pubblico in alcuni luoghi della città (idem).
Questa è la direzione e qualsiasi spunto (vedi articolo di oggi su “Il Folio”) è certamente gradito, ma in questi mesi ne abbiamo fatta di strada e non partiamo da zero: non buttiamo quanto fatto finora!

Ps: ci sono aspetti che non sono strettamente legati al DUC, ma che è bene funzionino perché tutto funzioni: settimana prossima, ad esempio, è già in programma un incontro tra me, il Comandante della Polizia Locale e i commercianti per un confronto in vista dell’importante periodo di Natale affinchè possa essere sfruttato al meglio. E' bene che sia sgombrato qualsiasi dubbio sul fatto che tutti stiamo lavorando nella stessa direzione.


giovedì 20 ottobre 2011

I SPORT CERNUSCO TRICOLORE: PARTIAMO CON DAVIDE REATI

Dicevamo: sport leale, sport di tutti ma sport anche vero.

L'allenamento, l'impegno, la competizione, vincere/perdere, il campo, lo spogliatoio, i tifosi, quelle cose lì. Perché sappiamo che lo sport è educativo se è prima di tutto sport vero. Sabato sera, grazie (ma grazie davvero) al Basket Cernusco, faremo un passo in avanti anche su questo aspetto.

Lo spunto è il derby di pallacanestro tutto Cernuschese di Serie C tra Libertas e Millennium e abbiamo pensato di:
Invitare al palazzetto (per loro entrata gratuita) i 150 bambini del minibasket: per vedere la prima squadra che gioca. E' un momento di festa per i piccoli sulle tribune, ma è un momento di grande responsabilità per i grandi sul campo.

Invitare Davide Reati, cernuschese e cresciuto nel Basket Cernusco, che da quest'anno - dopo una parentesi a Treviglio - gioca nella Serie A di basket a Varese e ha esordito proprio nelle scorse settimane nel nostro massimo campionato professionistico.

Poi verrà data la possibilità a 5 bambini estratti a sorte, che potranno fare un 1 contro 1 con Davide, e poi tutti i bambini se vorranno potranno avere un autografo e poi fare una foto insieme a lui e poi fargli delle domande su cosa si prova a giocare in Serie A.


Ci abbiamo infine aggiunto una targa, che il Sindaco ed io consegneremo a Davide per esprimere l'orgoglio di tutta la città per un Cernuscese in Serie A.

E' questo il primo esempio, il primo passo, del progetto "I sport Cernusco Tricolore", ideato per valorizzare gli atleti che si distinguono nella loro disciplina raggiungendo eccellenze sportive (campionati nazionali, convocazioni in nazionale, titoli tricolori, ecc.) e nello stesso tempo per far sì che quella loro esperienza ad alti livelli diventi ricchezza per la città. A breve verrà anche aperta una sezione "I sport Cernusco Tricolore" all'interno del sito internet dello sport cernuschese...nel frattempo, per vedere l'effetto che fa, ci vediamo sabato sera alle 21.00 al Palazzetto di via Buonarroti.

lunedì 10 ottobre 2011

C'E' UN NUOVO SPAZIO COMUNALE DI SPORT, SOCIALITA' E IDEE IN CITTA'

Sabato mattina alle 8.30 ero, con il Sindaco Comincini e l'Assessore Rosci, al Centro Sportivo di via Buonarroti e quando i primi bambini con i loro genitori hanno varcato la porta automatica che dà l'accesso alla recepiton di Enjoy Center mi sono emozionato: la città iniziava a prendere possesso di un spazio comunale di sport, socialità e idee che caratterizzerà le vita di Cernusco e delle sue nuove generazioni per almeno i prossimi 30 anni.

Enyoy Center è prima di tutto uno spazio comunale per praticare sport: sorta al posto della vecchia piscina coperta, il cuore del centro é proprio la nuova piscina (25 mt di lunghezza x 6 corsie, una in più rispetto alla precedente), capace oggi, ad inizio attività, di raccogliere già 2.300 iscrizioni. Nell'ampio e luminoso open space (pochi muri, ampie vetrate) non mancano una vasca ricreativa e una vasca per gestanti, mentre in uno spazio dedicato c'é la vasca di riabilitazione: utile, quest'ultima, per tutti coloro che hanno necessità di seguire un percorso riabilitativo oppure motorio legato a disabilità fisiche. Insieme alla piscina scoperta - con tanto di scivolo gigante - in funzione da Giugno, gli spazi acquatici di Enjoy Center sono l'offerta natatoria piú completa della Martesana. Enjoy Center é spazio di sport anche perché al primo piano (idealmente proteso attraverso una grande vetrata sul limitrofo centro sportivo) é 540 mq di palestra, con macchinari per correre, pedalare, rafforzare la muscolatura; é ring per sport da combattimento; é infine ampia sala corsi. Un luogo di sport inteso come benessere e cura del proprio corpo, chiave di lettura tanto cara all'idea di sport che ci sforziamo di costruire in città con il progetto "I sport Cernusco".

Ma Enjoy Center non é solo sport: é anche spazio di socialità. Spesso abbiamo ripetuto l'idea alla base del piano di sostegno allo sport di portare lo sport in città e la città nei centri sportivi. Tre esempi. L'area bar/ristoro, anche perché presente in un area lontana dalle abitazioni, ha certamente in sé la prospettiva di diventare molto di più di un semplice servizio accessorio alle strutture sportive. La zona wifi sarà integrata nel sistema "Cernusco 2011+ wifi" e avrà la stessa connessione della biblioteca e degli altri hotspot della città. Il baby park non sarà solo un servizio di baby-sitting, ma anche spazio per feste di compleanno o a tema per bambini dai 3 ai 10 anni. Lo sport e il luogo che lo contiene diventano occasione di socialità e aggregazione, integrazione e condivisione di tempo e di idee.

Idee. Enjoy Center é certamente spazio per nuove idee: é forse questa la dimensione meno evidente ma a mio avviso la più affascinante e sfidante. Perché é chiaro da dove siamo partiti - una piscina da rifare dopo decenni di onorata carriera - ma il futuro é davvero una spazio da inventare. La piscina riabilitativa, ad esempio, acquista un significato ancora maggiore se pensata anche al servizio degli atleti soggetti ad infortuni delle società sportive che proprio nei campi di basket, volley, calcio, rugby lí a fianco nel Centro di via Buonarroti praticano la loro attività, fino ad arrivare - perché no? - ad un servizio naturalmente integrato nell'offerta sportiva della città. La sala conferenze, che contiene 40 posti a sedere, può diventare luogo di crescita d cultura sportiva e non, attraverso corsi e studi che potranno essere proposti alla città tutta. L'area dedicata ai bambini, puó essere il contesto per laboratori ludico-didattici. E tanto, tanto altro ancora.

Quando diventai Assessore allo Sport nel Luglio 2010, ad esempio, l'Università di Scienze Motorie aveva ufficializzato da pochi giorni la volontà di abbandonare Cernusco e ritornare, dopo 3 anni, a Milano. Avevo vissuto questo passaggio da membro della Consulta dello Sport e mi ero costruito la convinzione che quel finale fosse la conclusione quasi naturale di diversi fattori (in ordine sparso): una nuova Amministrazione Comunale chiamata a rispondere ad esigenze concrete ed immediate nella gestione fino ad allora deficitaria del Centro Sportivo di via Buonarroti (erano anche le nostre Associazioni a sottolinearlo...) e nelle sue strutture ormai datate, ma posta di fronte all'evidenza che solo interventi di medio termine come appunto la costruzione di una struttura come Enjoy Center potevano risolvere compiutamente; l'Istituzione Universitaria divisa al suo interno sulle scelte strategiche da compiere e "tirata per la giacca" dalla politica sportiva milanese affinché tornasse inevitabilmente ad impreziosire Milano; un movimento sportivo Cernuschese, infine, da troppo poco tempo ritornato protagonista e responsabile del proprio destino (anche con la creazione della Consulta) e per questo impegnato comprensibilmente prima di tutto a riprendersi il proprio ruolo e i propri spazi in città piuttosto che ad aprirsi a progetti di ampio respiro come l'Università poteva sviluppare. Troppi elementi traballanti per una conclusione positiva! Ecco, oggi mi sono convinto che se l'Università di Scienze Motorie arrivasse oggi a Cernusco probabilmente il risultato sarebbe diverso e certo ora ci sono tutti gli elementi potenziali per provare ad arricchire il nostro centro sportivo di via Buonarroti e la nostra città con la presenza di una istituzione sportiva (una Federazione? L'Università stessa?): una sfida che la nuova amministrazione comunale che verrà eletta nel 2012 credo debba raccogliere, insieme alla prosecuzione del disegno di riorganizzazione dei centri sportivi intrapreso in questi cinque anni (ne parlerò in un post a parte...brevemente: la dimensione sempre più di "Parco Olimpico" del Centro di via Buonarroti, lo spazio di Urban Sport in zona CAG, lo sviluppo in Centro Federale Hockey e la riconsegna a bici&skate del Centro di via Boccaccio, la creazione di un'area di "sport e natura" a Nord della città, dove l'addestramento cinofilo in chiave civica ne sia parte principale ma non unica).

Tanti altri aspetti si potrebbero sottolineare per evidenziare come questa realizzazione é nei fatti una case history forse unica: prima di concludere vorrei richiamarne soltanto uno, perché mi appare davvero segno di speranza.

Enjoy Center é in tutto e per tutto un luogo la cui struttura é di proprietà del Comune di Cernusco: in questo periodo storico di difficoltà economica, in cui gli Enti Pubblici soffrono per bilanci sempre piú risicati e in cui patti di stabilità centrale impongono limiti di spesa agli enti locali, la comunità di Cernusco e i suoi amministratori si consegnano una struttura che segnerà la vita della città dei prossimi 30 anni: cinque anni fa ce lo dicevamo che sarebbe stato meglio stare meglio! Nello stesso tempo ricordiamoci che Enjoy Center é anche la storia imprenditoriale di alcuni giovani (sí giovani!) che hanno realizzato un'idea, certamente un sogno, ed hanno impegnato se stessi e il proprio futuro per realizzarlo. Un Ente Publico e dei giovani del proprio territorio che lavorando insieme hanno realizzato un'opera da oltre 6 milioni di euro ed economicamente sostenibile nel tempo che arricchisce la vita civile della città: una notizia straordinaria, "causa-effetto" non tanto collaterale dell'opera di costruzione, da raccontare con l'orgoglio che sempre ha contraddistinto Cernusco e i suoi abitanti.

Per tutto questo non parliamo di piscina e nemmeno di centro natatorio, perché, a pensarci bene, c'é un nuovo grande spazio comunale di sport, socialità e idee in città!

lunedì 26 settembre 2011

CONSULTA DELLO SPORT, OLTRE L'ARTICOLO 13



Questa la lettera che ho inviato nei giorni scorsi alle Associazioni Sportive che utilizzano gli impianti sportivi all'aperto del Centro Sportivo di via Buonarroti in merito all'assegnazione dei nnuovi spazi del centro tra poco disponibili con il completamento della nuova tribuna. Davvero sono convinto che una Consulta dello Sport autorevole e funzionante e un valore aggiunto per lo sport in città.


Gentili Associazioni Sportive,

tra poco più di un mese giungeranno a termine i lavori di rifacimento della struttura della vecchia tribuna adiacente il campo da calcio del Centro Sportivo di via Buonarroti: è il compimento di un'opera molto importante che porrà fine alla precarietà dei container con cui abbiamo convissuto in questi mesi e consegnerà alle associazioni sportive della città 10 spogliatoi (6 grandi e 4 piccoli), uno spazio magazzino di oltre 150 mq, una sala riunioni, un locale infermeria.

Come vi anticipavo nel corso del nostro incontro dello scorso luglio, è' mia intenzione andare oltre le indicazioni dell'articolo 13 del Regolamento della Consulta dello Sport, secondo il quale il Direttivo della Consulta stessa è chiamato ad offrire un parere obbligatorio non vincolante in merito ai criteri generali per l'assegnazione degli spazi sportivi comunali. In occasione del Direttivo della Consulta dello Sport dello scorso 13 Settembre, infatti, ho consegnato al Presidente Matteo Gerli la piantina della nuova struttura, chiedendo ufficialmente al Direttivo stesso di presentarmi per i primi giorni di ottobre un piano che sia la sintesi delle esigenze di tutte le Associazioni Sportive coinvolte, consentendo all'Ufficio Sport di procedere poi sia all'integrazione di tali osservazioni nel lavoro già svolto sull'argomento, sia alla conseguente assegnazione degli spazi in maniera efficace.

Nell'avanzare questa richiesta, ho solo invitato il Direttivo a considerare, in questo lavoro di pianificazione, non solo un'ottica di brevissimo periodo, ma a valutare in una prospettiva di medio termine se tali passi immediati siano coerenti con la volontà spesso condivisa di ridistribuire gli spazi di tutto il centro sportivo in un'ottica di utilizzo degli impianti per sport omogenei.

Nella convinzione che la condivisione delle azioni di politica sportiva tra Amministrazione e Consulta renda più proficui gli interventi a sostegno dello sport e dell’attività delle Associazioni, esprimendo in maniera compiuta il senso della Consulta stessa, rimango a disposizione per qualsiasi chiarimento e vi auguro nuovamente una fantastica stagione sportiva.

Ermanno Zacchetti - Assessore allo Sport

lunedì 19 settembre 2011

I SPORT CERNUSCO 2011 SOTTO LA PIOGGIA































venerdì 16 settembre 2011

A PROPOSITO DI SKATE PARK, ACTION SPORTS E CAG


Mentre scrivo sta proseguendo davanti al CAG Labirinto di Cernusco l'inaugurazione del nuovo Skate Park: dopo le cerimonie di rito, ora musica ed evoluzioni ne aprono ufficialmente l'attività.

Al di là della considerazioni positive sul nuovo luogo di aggregazione per i ragazzi e ancor più per il fatto che lo stesso è collocato nella zona Sud della città, vorrei sottolineare la perfetta scelta di un'action sport come lo skate per sviluppare progetti educativi attraverso l'attività del CAG. Sono infatti convinto che i bisogni espressivi, di comunicazione e di crescita espressi dagli adolescenti che frequentano il CAG Labirinto siano meglio interpretati da sport come skate appunto, oppure bmx, street basket o calcio a 5 "stile porticine"; se fossimo in un paese di montagna parleremmo anche di freestyle e snowboard; a Miami o in Australia di surf.

Questi sport, che i puristi della disciplina sportiva organizzata considerano più che altro un passatempo, possono essere considerati a tutti gli effetti discipline sportive (le due invernali sono anche discipline olimpiche!) ed esprimono una potenzialità incredibile nel creare coinvolgimento e appartenenza ad un gruppo (non ad una squadra, se no sarebbe sport) e ad uno stile di vita (anche nel linguaggio e nell'abbigliamento!), permettendo agli educatori di proseguire la propria azione con dinamiche simili a quelle, ad esempio, espresse dalla musica (nel senso di gruppi musicali giovanili). Non a caso spesso proprio eventi di action sports sono accompagnati da concerti di musica rock (ESPN che lanciò questi sport in Usa negli anni 90 ha creato il grande evento degli X-games; in Europa probabilmente la prima esperienza negli anni 00 fu YOZ, con tanto di programma TV paneuropeo).

Complimenti a Nico per lo spunto e la sfida, all'Assessore Magistrelli per la scelta. Dal mio punto di vista di Assessore dello Sport non posso che essere contento di avere in città una così bella "sfumatura" dell'offerta sportiva.

ps: lo skate park è collocato al posto del campo di basket, ma il campo di basket non scomparirà: cambierà solo collocazione e sarà all'interno del parco lì di fianco. Street basket...altro urban sport :-)

mercoledì 14 settembre 2011

BUONA STAGIONE SPORTIVA!


Anche quest'anno ho voluto scrivere una lettera a tutti gli sportivi cernuschesi in occasione di questa nuova stagione sportiva.

Cari Sportivi Cernuschesi, amici Allenatori, gentili Presidenti e Dirigenti,

alla vigilia dell'appuntamento di "I sport Cernusco Open Day" che domenica 18 settembre darà ufficialmente il via alla nuova stagione sportiva, vorrei richiamare l'idea contenuta nel Piano di sostegno allo sport 2011 e rivolgere a voi tutti l'augurio per un anno di sport "vero, leale e di tutti".

Parlando in questi giorni con alcuni di voi, avverto una grande attesa perché siamo alla vigilia di importanti passaggi per lo sport nella nostra città.

Dopo l'inaugurazione della piscina all'aperto dello scorso Giugno, tra qualche settimana aprirà i battenti il nuovo centro natatorio comunale che con le sue quattro piscine, la palestra, la zona riabilitazione, lo spazio bimbi e lo spazio ristorazione renderà concreta l'idea di centro sportivo aggregativo ed economicamente sostenibile che abbiamo sognato in questi anni.

Questo autunno vedrà anche l’entrata in funzione della tribuna del vecchio stadio: la struttura è stata interamente ricostruita e pensata anche per soddisfare l'importante esigenza di spazi-magazzino delle associazioni sportive, con un'area di oltre 150mq destinata a questo utilizzo. La conseguente riconsegna dello stadio per la disputa di gare ufficiali aprirà il confronto, partendo dal contributo che darà la Consulta dello Sport, su come meglio distribuire gli spazi di tutto il centro sportivo di via Buonarroti, ad esempio in un'ottica di destinazione degli impianti per sport omogenei.

Sempre nei prossimi mesi si concretizzeranno altri 3 progetti del Piano di sostegno allo sport 2011: la Borsa dello Sport (sostegno alla pratica sportiva di ragazze/i tra i 5 e i 17 anni appartenenti a famiglie con difficoltà economiche); "I sport Cernusco per tutti" (bando di co-finanziamento a progetti per la pratica sportiva di atleti con differente abilità); "I sport Cernusco tricolore" (riconoscimento agli atleti di società cernuschesi che hanno vestito la maglia della nazionale italiana nella scorsa stagione).

Un richiamo, infine, alla grande novità della prima parte dell'anno: il sito internet dello sport cernuschese, on line dallo scorso maggio e ormai il punto di riferimento per informazioni e approfondimento per la pratica sportiva. Questo sito - autentica vetrina per le nostre Associazioni Sportive e accessibile dal sito www.comune.cernuscosulnaviglio.mi.it - contiene anche due importanti progetti già avviati e a disposizione degli utenti: "Chiedi all'esperto" (sezione interattiva di domande e risposte con esperti di Federazioni e Associazioni Sportive su varie tematiche legate alla pratica sportiva) e "I run Cernusco" (mappe di percorsi di running in città).

Tutto è pronto dunque per una nuova stagione di sport a Cernusco: c'è, sempre di più, movimento sportivo in città!

L’ASSESSORE ALLO SPORT
Ermanno Zacchetti

mercoledì 7 settembre 2011

18 SETTEMBRE: 2° OPEN DAY DELLO SPORT CERNUSCHESE

Con il mese di Settembre riprendono anche a Cernusco le attività sportive di tutte le associazioni della città e sono contento che ritorni per il secondo anno consecutivo "I Sport Cernusco Open Day".

Anche questa edizione è inserita all'interno della Festa del Quartiere Sud di Domenica 18 Settembre, l'Open Day sportivo sarà dislocato dalle 9.00 alle 19.00 nel parcheggio (di recente nuova asfaltatura) al fianco della stazione del metro di viale Assunta.

Sono altrettanto contento che oltre 20 associazioni sportive abbiano già confermato la loro partecipazione!

5 le parole chiave della giornata:

PROVA gratuitamente le tante discipline sportive praticate in città, con il campo da minibasket, il campo da street volley, il rettilineo di 30 mt. per atletica, il tunnel gonfiabile per baseball, il tavolo da tennis-tavolo, il percorso di gimkana in bici per bambini (10.00-17.00, portare bici e casco) e molto altro.

CHIEDI informazioni su corsi e iscrizioni presso gli stands dele Associazioni Sportive.

PARTECIPA

ore 9.30: I run Cernusco - educazione alla corsa con istruttori dell'Associazione "Atletica Cernusco" (lungo il Naviglio - ritroco c/o Casetta degli Alpini già in tenuta da corsa);

ore 16.30: Esibizione e lezione dimostrativa di educazione cinofila co istruttori dell'Associazione "Il mio amico ha 4 zampe" (su viale Assunta all'altezza del numero civico 31).

SCOPRI La nuova piscina al coperto e tutte le iniziative del "Piano di sostegno allo Sport 2011" presso gli stand dedicati.

VISITA il sito http://www.comune.cernuscosulnaviglio.mi.it/, clicca sul logo "I sport Cernusco" ed entra nel nuovo sito dello sport cernuschese per tutte le informazioni.

Con la ripresa delle scuole la prossima settimana distribuiremo a tutti bambini e ragazzi il volantino di invito a questo Open Day, pensato proprio per permettere a loro (e alle loro famglie) di scoprire l'ampia offerta sportiva di Cernusco e di scegliere quale disciplina praticare nel corso della stagione ormai alle porte.

Ci vediamo Domenica 18 Settembre!

venerdì 12 agosto 2011

ENJOY YOUR HOLIDAY!





venerdì 5 agosto 2011

L'UFFICIO COOPERAZIONE INTERNAZIONALE PROVA SKYPE


La scorsa settimana il Sindaco e il Vicesindaco hanno salutato un gruppo di giovani del nostro territorio in partenza per diversi paesi del mondo nell'ambito di progetti di volontariato internazionale sostenuti anche dal Comune di Cernusco.

Sempre la scorsa settimana, la Giunta ha deliberato il sostegno economico a 3 progetti di Cooperazione Internazionale in Benin, Uganda e Repubblica Dominicana.

Al fine di rendere più facili (anche dal punto di vista economico) i contatti e lo scambio di informazioni tra l'Ufficio Cooperazione Internazionale del nostro Comune e queste realtà e persone nel mondo a cui siamo fortemente legati, ci è venuta l'idea di attivare una postazione Skype presso questo ufficio comunale votato all'internazionalità.

Il Voip (la tecnologia che permette di effettuare chiamate attraverso internet) e la messaggistica istantanea di Skype arrivano dunque in Comune legati a questa specifica prospettiva, ma ovviamente il servizio offrirà a chiunque la possibilità di comunicare gratis (Skype to Skype) con l’ufficio Cooperazione internazionale per chiedere informazioni o per segnalare eventi: se i cittadini dimostreranno di gradire Skype, allora l'esperimento verrà esteso anche ad altri uffici. La progressiva attivazione della telefonia VOIP ci permetterà in futuro anche di integrare i telefoni tradizionali con la telefonia via internet.

Chi vorrà mettersi in contatto con l’ufficio Cooperazione Internazionale, dunque, da oggi potrà anche farlo attraverso l’account “Cooperazione.cernusco”, scaricando gratuitamente il programma “Skype” dall’omonimo sito web.

martedì 2 agosto 2011

SPAZI DA RIDISEGNARE INSIEME


Lo scorso 11 Luglio ho incontrato le Associazioni Sportive che utilizzano gli spazi del Centro Sportivo di via Buonarroti per preparare la nuova stagione sportiva: per chi organizza sport è fondamentale potere avere delle certezze in termini di spazi e tempi al fine di programmare al meglio la stagione che verrà. I lavori in corso al centro sportivo - ormai in dirittura d'arrivo il prossimo autunno - non ci permettono di fare grandi rivoluzioni immediate, ma mi è sembrato giusto fare due cose:

1. garantire alle Associazioni Sportive la possibilità di confermare il numero di squadre e l'attività della stagione precedente;

2. responsabilizzare le Associazioni Sportive in un'ottica di condivisione preventiva con l'Ufficio Sport e con il Gestore nel caso di esigenze di sviluppo: è chiaro che con spazi limitati una realtà sportiva non può crescere a dismisura non tenendo conto delle esigenze delle altre associazioni e degli spazi disponibili.

Nel corso dell'incontro dell'11 Luglio avevo promesso che entro la fine del mese le Associazioni Sportive avrebbero ricevuto la comunicazione degli spazi di allenamento assegnati: lo abbiamo fatto lo scorso Venerdì 29 Luglio.

Poichè sono convinto che il movimento sportivo e la Consulta dello Sport in particolare abbiano tutte le carte in regola per giocare un ruolo attivo e che la trasparenza sia un valore, quest'anno l'Ufficio Sport non ha mandato singole lettere alle associazioni con solo i rispettivi spazi, ma ha deciso di inviare a tutti la griglia completa dell'utilizzo degli spazi da parte di tutti (stiamo parlando di quelli all'aperto, non le palestre e il palazzetto per intenderci, con esclusione dei campi da tennis che per loro natura hanno un utilizzo esclusivo): ogni associazione ha chiaro fin da ora il quadro complessivo e può rendersi conto di come la propria realtà (e le altre) vi è inserita. Abbiamo scritto sulla griglia "spazi provvisori": poichè nessuno è perfetto, da qui all'inizio della stagione c'è spazio per correzioni e aggiustamenti, ovviamente concordati insieme con gli interessati, l'ufficio sport e il gestore.

Come ho detto anche nella mia recente intervista a Il Folio, la conclusione dei cantieri in corso ci consentirà tra qualche mese di aprire ad una programmazione diversa, con una prospettiva di medio termine davvero verso la ridefinizione degli spazi nel senso dell'utilizzo degli impianti per sport omogenei: personalmente me lo pongo come obiettivo per la stagione 2012/13, con tutta la stagione 2011/12 per compiere passi in questa direzione. Da Settembre iniziamo a parlarne insieme.

martedì 26 luglio 2011

IL BELLO DI INTERNET


Ci sono tante cose belle di internet, ma forse l'aspetto che preferisco è la possibilità di dire quello che ciascuno pensa. Non è detto che tutti condividano quello che io dico, così come io non condivido tutto quello che gli altri dicono. Ma appena l'ho detto in internet devo credere in quello che ho detto perchè poi quella cosa lì che ho scritto può essere letta, commentata, apprezzata o criticata da tutti e nel mio dirla pubblicamente in una piazza virtuale c'è tutta l'ebrezza di accettare il confronto. Se fossi un politico direi che in quell'accettare il confronto c'è l'essenza della democrazia, ma non vorrei esagerare con i paroloni.

Domenica pomeriggio, ritornando a Cernusco da una settimana di vacanza e collegandomi a internet, ho trovato un po' ovunque su Facebook questo messaggio:

SABATO 23 LUGLIO.
QUESTA è LA VOCE DEL MIO FANS CLUB;
''SIAMO STUPITI E CONTRARIATI PER LA MANCATA AUTORIZZAZIONE DELLA POLIZIA LOCALE DI CERNUSCO S/N,DELL'ASSESSORE COMPETENTE E DELL'UFFICIO COMMERCIO PER LA SERATA CONCLUSIVA DEL ''TORNEO MEMORIAL ALE CALLONI'' CON CONCERTO PRESSO IL BAR DEI PORTICI DI ''MAURIZIO PROTTI'' DALLE ORE 19 ALLE ORE 21 DI DOMENICA 24 LUGLIO.
UN MOMENTO DI FESTA E NON UN CONCERTO SPECULATIVO. MA UN OMAGGIO ALL'AMICO ALE CALLONI. IL CONCERTO è STATO ANNULLATO IN MODO INCOMPRENSIBILE.''
Io, Gianluigi Frigerio e gli amici del bar dei portici abbiamo raccolto oltre 250 firme contro questa decisione assurda..."


Il più delle volte il messaggio era seguito da post molto polemici contro la Città di Cernusco, i suoi abitanti, l'Amministrazione, la politica, la burocrazia, il mondo, le persone, ecc. Poichè appunto ero stato in vacanza negli ultimi 10 giorni e non era vero che avessi negato l'autorizzazione al concerto (di cui non sapevo nulla), domenica sera un po' ovunque su internet ho postato questo commento:

Buonasera. Scrivo come Assessore al Commercio citato in qst post per dire - ad onore della verità - che non c'e stata da parte mia nessuna mancata autorizzazione x il semplice fatto che non ero a conoscenza della richiesta stessa. Sono stato fuori Cernusco nell'ultima settimana: nessuna richiesta mi era arrivata precedentemente (e rilevo che il primo post di promozione del concerto e' del 16 Luglio), nessuno mi ha informato in settimana. Nei prox giorni verificherò le tempistiche delle richieste e le conseguenti motivazioni: sono, come ho scritto anche a Maurizio, sempre disponibile ad un confronto. Chiedo pero' a Voi l'onesta' di scrivere cose vere e complete.


In tarda serata, anche il Sindaco Eugenio Comincini ha postato un po' ovunque la sua versione:

Sono dispiaciuto per quanto accaduto riguardo al concerto di Maurizio al Bar dei Portici che non si è potuto tenere questa sera ma anche per quanto ho letto qui e mi per quanto è stato riferito in questa giornata.
Ho avuto conoscenza della ...questione solo ieri mattina, a decisioni omari prese, perché informato da Maurizio e da suoi amici. Vale però la pena precisare alcune questioni che aiutano a comprendere come si è giunti a quella decisione da parte della Polizia Locale: intanto il concerto non è stato “annullato” in quanto non era mai stato autorizzato; infatti la richiesta di autorizzazione a poter far svolgere il concerto è stata presentata dall’organizzatore solo poche ore prima che gli uffici chiudessero per il fine settimana. Sarebbe bastato poco per mettere gli Uffici nella condizione di poter svolgere il proprio compito: se il concerto era pubblicizzato già dal 16 luglio, sarebbe certamente stato possibile fare richiesta ben prima. Va ricordato che lo stesso concerto organizzato lo scorso anno per il medesimo evento portò a strascichi polemici con i residenti della piazza che fecero intervenire i Carabinieri e protestarono con il Comune: la Polizia Locale, memore del precedente, non poteva archiviare la pratica “in-quattro-e-quattro-otto”; del resto non è stato dato materialmente il tempo agli Uffici di poter concordare le corrette modalità per tenere il concerto.
Nessuno in questa città vuole vietare eventi del genere, ma nessuno – al tempo stesso – può pensare di sottovalutare ed ignorare che ci sono regole che vanno rispettate e soprattutto ci sono molte altre persone che hanno opinioni diverse su quanto si organizza: cercare di fare uno sforzo, da parte di tutti, perché le posizioni e le opinioni differenti non diventino scontro ma trovino la giusta modalità di convivenza è un compito difficile ma non impossibile. Purché si metta chi di dovere nella condizione di poter svolgere il proprio compito.
Se la pratica fosse stata presentata qualche giorno prima non ci sarebbe stato questo disguido.
Il mancato concerto non ha quindi nulla a che vedere con altre ragioni che ho letto e che mi sono state riferite. E le responsabilità sul ritardo non sono certo della Polizia Locale.
Sono certo che ci sarà nuova occasione per ascoltare Maurizio e per ricordare Ale Calloni, in amicizia e serenità.

Prima che oggi, un po' ovunque sulla piazza virtuale di internet, qualcuno cancellasse ogni traccia di quanto scritto, ho avuto modo di leggere tre risposte. La prima, del Signor Franco Dona, che dopo un iniziale commento polemico, ha voluto aggiungere questo post:

Purtroppo come tutti ci basiamo su quello che leggiamo su fb ed in piena fiducia appoggiamo un amico perche il piu delle volte siamo impossibilitati dalla lontananza da Cernusco a sentire tutte le campane, percio se qualcuno si è sentito offeso dalle mie parole lo prego di scusarmi. Cernuscon è un bellissimo paese ma sarebbe molto meglio se quella vecchia mentalita un po retrogoda di alcuni personaggi cambiasse in modo da aprire le menti ed allinearsi a molti altri paesi oramai piu moderni e piu vivibili.

Non conosco il Signor Franco Dona ma ho apprezzato la sfumatura che ha voluto dare alla sua opinione, che peraltro mi è parsa nella sostanza essere confermata nella sua contrarietà.

La seconda risposta è stata di Maurizio Protti, l'artista che avrebbe dovuto esibirsi domenica sera:

CIAO A TUTTI. DA PARTE MIA E DA PARTE DEL MIO FANS CLUB CHIEDIAMO SCUSA SE SONO STATI USATI TONI POCO CONSONI ALL'ARGOMENTO.DATI DALL'EUFORIA PER IL CONCERTO. IO SONO ORGOGLIOSO DI TUTTI VOI DAL MIO FANS CLUB CHE DIMOSTRA IL SUO AFFETTO IN MANIERA LIBERA COMPOSTA E ASSOLUTAMENTE MOLTO ''ROCK'' al IL MIO STAFF COMPOSTO DA SEGUACI FEDELI E MUSICISTI PROFESSIONISTI.E AL SINDACO CHE SI è SEMPRE DIMOSTRATO UNA PERSONA VERA E DISPONIBILE NEI CONFRONTI MIEI E DEI MIEI CONCERTI . ALL'ASSESSORE ERMANNO CHE SI è DIMOSTRATO PRESENTE SUBITO PREOCCUPANDOSI DI QUESTA QUESTIONE E NON SI è MAI DIMOSTRATO OSTILE NEI NOSTRI CONFRONTI. IO VI RICHIEDO SCUSA A TUTTI VOI, LA MUSICA è AGGREGAZIONE FELICITA E DICO SEMPRE ROCK&ROLL

Conosco Maurizio e gli ho già scritto per ringraziarlo per questa precisazione: la mia stima in lui è immutata. Senza imputare colpe ad alcuno, sapremo fare esperienza dei disguidi organizzativi che hanno impedito il concerto, per non ripeterli la prossima volta.

La terza risposta è stata del Consigliere Comunale Gianluigi Frigerio:

Buongiorno Ermanno. Grazie per il tuo contributo e la tua disponibilita', Che ho rimarcato di recente anche pubblicamente, pur non condividendo molte tue iniziative. La nostra raccolta firme - il piu' profondo sifnificato di Partecipazione e Democrazia - testimonia come elasticita' e buon senso siano valori fuori moda anche a Cernusco. Non si' chiedeva certo la luna: "esibizione canora dalle 19 alle 21" di una domenica di Fine Luglio a conclusione di un Memorial di Calcio!! Non si' trattava ne' di un megaevento da Stadio ne' di una festa di Partito, tipo la vostra (PD) durata 3 giorni sino a mezzanotte.... Qualcosa non ha funzionato e molte persone sono rimaste deluse e meravigliate: Questo e' quello che rimane in sostanza della mancata Autorizzazione di ieri sera. Dopodiche' possiamo parlare di tutto e Aprire un dibattito sugli Eventi in Citta', su come Cernusco non sia una citta' Vissuta di sera, su dove Fare Feste senza disturbare il riposo dei cittadini.... Buone vacanze, rinfrescati anche per noi:)"

Ah, c'è un'altra cosa bella di internet, che dimostra partecipazione e democrazia: il fatto che quello che si scrive non va mai cancellato. Magari va rettificato con un altro post, corretto con una nuova versione oppure sostenuto fino alla fine. Ma mai cancellato. Perchè in internet elasticità e buon senso non sono mai fuori moda. E da qualche parte, una traccia rimane comunque.

lunedì 25 luglio 2011

giovedì 14 luglio 2011

MY SPEECH TO EUROHOCKEY CELEBRATION EVENT


Quello qui sotto è il saluto che ho rivolto questa sera in Sala Consigliare alle 8 Nazionali e ai rappresentanti Nazionali e Internazionali della Federazione Hockey presenti a Cernusco per gli Europei Under 18. Con emozione e con orgoglio.

President Di Mauro, Director Baird, Manager Lockhart, team managers, athletes and coaches, our Major Eugenio Comincini has already given to you the official welcome in the name of the city.

I've the pleasure now to represent in front of you all the sport movement of Cernusco: 45 sport associations involve roughly 7.000 people in 35 different sports. We strongly believe in a real sport, with winners and loosers, but fair and without any barriers. Sport is an important part of our life and we are really happy to share this sport and friendship week with European people with the same vision.

In this impressive sport panorama of the city, hockey is one of our excellence in terms of sport results, organisation, quality of the offer, involvement. You can see in these days the passion of the people of Hockey Cernusco: they are from several years ambassadors of our city in the Italian and European Competitions and we are proud of them. Let me say a special thank to the soul of Hockey Cernusco, Roberto Villa, and to the President Anna Maria Miele.

Also due to that, one year ago with the Italian Hockey Federation and with Hockey Cernusco, we started to think about a project to build here in Cernusco one of the official center of Italian Federation. I'm very happy to announce that next week we will do an additional step in this direction with the green light of the City Council for a project with a vision for the next 20 years. We have the ambitious to welcome you again in the future, maybe for a World Cup Event, in a re-new sport center and with the same passion for sport.

I hope you'll remember in the future these days in Cernusco like one of the great experience of your life. For sure, thanks to all of you, this is a great experience for our community.

Thank you!

mercoledì 13 luglio 2011

ASSESSORE, UN ANNO FA



Il 14 Luglio di un anno fa il Sindaco Eugenio Comincini mi conferiva le deleghe per Sport, Commercio, New media e Servizi Demografici.

Un anno dopo un po' di cose che ho fatto sono raccolte in questo blog, alla sezione "Diario di un assessore": come tutti i blog l'ordine cronologico è dall'esperienza più recente a quella più lontana.

Non è mia intenzione fare qui bilanci di alcun tipo o mettere in vetrina il lavoro di un anno. Mi sento solo di dire che, dopo un anno, è questa un'esperienza davvero coinvolgente ai massimi livelli per tempo e emozioni, ma proprio per questa bellissima e che mi sento davvero onorato di poter vivere. Certamente penso che oggi sono umanamente e professionalmente più ricco di un anno fa.

ATTO D'INDIRIZZO PER IL CENTRO FEDERALE HOCKEY A CERNUSCO



Come ho scritto nei post precedenti, si stanno svolgendo in questi giorni a Cernusco gli Europei Under 18 di Hockey su prato: domani sera, dalle ore 19.30 in Sala Consigliare, saluteremo ufficialmente le delegazioni delle 8 Nazionali impegnate nel Torneo, per poi dare vita alle 21.00 (meteo permettendo) ad una sfilata con tanto di banda per le vie del centro.

Sempre a tema hockey su prato, ieri è stato anche il giorno della presentazione alla Commissione Consigliare competente della delibera che il Consiglio Comunale della prossima settimana sarà chiamato ad approvare per la riqualificazione e l'ampiamento del Centro dell'Hockey di via Boccaccio. Si tratta di un atto di indirizzo del Consiglio Comunale per il prolungamento per massimo 20 anni della scadenza attuale (fissata ora per il 2015) della convenzione con la Federazione Hockey a fronte dell'impegno della Federazione Hockey stessa di realizzare un proprio Centro Federale a Cernusco. Proprio nel Luglio dello scorso anno si gettavano le basi di questo sviluppo attraverso la decisione dell'Hockey Cernusco di impegnarsi direttamente nella gestione del centro sportivo di via Boccaccio; ora si fa un passo avanti verso la fase progettuale. Gli interventi ipotizzati ad oggi sono sia di ristrutturazione delle strutture esistenti (la copertura fotovoltaica della tribuna, il potenziamento delle torri faro, ecc.), sia di svilupo delle stesse, soprattutto con un secondo campo nella zona solitamente occupata dalle giostre durante la Fiera di San Giuseppe e con una Foresteria per circa 60 persone con ristorante, bar, sala convegni, palestrine per preparazione atletica. Rimarranno ovviamente in funzione i campi da calcetto.

I dettagli del progetto saranno oggetto di discussione nei prossimi mesi, quando la federazione presenterà il proprio studio di fattibilità e si entrerà nei dettagli della convenzione: il numero degli anni di estensione della convenzione è ovviamente connesso all'impegno economico della Federazione per la realizzazione delle opere e il conseguente ammortamento. Ieri in commissione sono già arrivati alcuni spunti dai consiglieri su attenzioni da prevedere (ad esempio aree aggregative non solo per gli atleti, ma anche per la cittadinanza vista l'importanza di quell'area per un quartiere sviluppatosi in maniera consistente negli ultimi anni; oppure la possibilità/necessità di tenere in considerazione lo sviluppo del centro anche con l'annesso pattinodromo/velodromo e i suoi spazi circostanti; la riflessione che potrebbe essre fatta su come integrare questo sviluppo con la nuova scuola la cui costruzione è prevista proprio in prosismità del centro sportivo): se ne parlerà da qui in poi.

Mi piace sottolineare ora solo due aspetti significativi di questo progetto:

- la sostenibilità economico-gestionale ricercata. Delle sempre più scarse risorse disponibili per le Amministrazioni locali si è scritto e riscritto...in altri paesi anche vicini a Cernusco la riflessione se scaricare o meno le tariffe delle utenze sulle associazioni sportive è già avviata. Questo progetto va nella direzione dell'auto-sostenibilià economico-gestionale, azzerando di fatto i costi di utenze e manutenzione ordinaria a carico dell'Amministrazione e rendendo la gestione sostenibile per l'Hockey.

- la decisione di una Federazione di scegliere Cernusco per uno sviluppo tanto importante. Se giusto un anno fa l'Università di Scienze Motorie compiva il percorso inverso lasciando la nostra città, la possibilità di accogliere invece ora una Federazione Nazionale rappresenta la conferma della tradizione e della cultura sportiva della nostra città, presupposto di innumerevoli spunti di sviluppo a Suo tempo ipotizzati con l'Università stessa.

E sono solo due degli aspetti positivi di questo progetto. :-)

mercoledì 6 luglio 2011

GIOVEDI 14 LUGLIO CERNUSCO SALUTA EUROHOCKEY

La prossima settimana, da Lunedì 11 a Sabato 16 Luglio, Cernusco ospiterà i Campionati Europei Under 18 di Hockey su prato. Oltre ai tifosi al seguito, saranno circa 200 gli atleti e i dirigenti che accoglieremo nella nostra città, provenienti da 8 nazioni Europee: Austria, Galles, Italia, Rep. Ceca, Polonia, Scozia, Svizzera, Ucraina.

A questo link il calendario delle gare, con la partita d'esordio Polonia-Svizzera e la prima gra dell'Italia lunedì alle 19.00 contro la Scozia.

Non nascondo qui il mio sogno di vedere non solo gli addetti ai lavori ma un'intera città - per chi non è ancora in vacanza - farsi accogliente e tifosa intorno a questo evento, intorno a questi ragazzi, perchè solo se entra nella vita della città un evento di questo tipo diventa valore aggiunto per il territorio.

Anche per questo motivo l'Ufficio Sport del Comune ha organizzato per Giovedì 14 Luglio una serata speciale. Nel tardo pomeriggio, nella Sala Consiliare di Villa Greppi, ci sarà un momento ufficiale di saluto alle otto delegazioni sportive ed ai rappresentanti della Federazione Hockey. Alle 21.00, poi, le Nazionali sfileranno per le vie del centro storico insieme ai ragazzi dell'Hockey Cernusco, tra i negozi aperti di "Shopping sotto le stelle" e spero tanta gente festante; e poi un'esibizione dell'Hockey Cernusco in piazza Unità d'Italia, le vetrine dei negozi a tema hockey, la banda...

E' forse la prima volta che un evento sportivo che si svolge interamente in uno dei nostri impianti sportivi si riversa per un momento extra-sportivo in città. Vediamo come va, anche perchè a Luglio 2012 ospiteremo gli Europei Under 23 di Hockey e saremo chiamati a fare ancora meglio. Ma sono assolutamente convinto che questa integrazione sport-città (e mi piace sottolineare anche il collegamento non scontato sport-commercio) sia la strada giusta. Lo abbiamo anche scritto nel nostro piano di sostegno allo sport!

ps: l'ingresso all'impianto di via Boccaccio è gratuito e l'Italia gioca il girone eliminatorio sempre alle 19.00: Lun 11 contro la Scozia, Mar 12 contro l'Ucraina e mer 13 contro l'Austria. Ci sono anche due atleti dell'Hockey Cernusco a difendere il tricolore, Ardrizzi e Favalli, e questo ci riempie ancor di più di orgoglio. Direi che è proprio il caso di dimostrare di che tifo sono capaci gli italiani!

Aggiunta dell'8 Luglio: qui il link al comunicato stampa ufficiale per la serata del 14 Luglio.

mercoledì 29 giugno 2011

CERNUSCO SI CANDIDA UFFICIALMENTE A DIVENTARE DISTRETTO DEL COMMERCIO



Abbiamo presentato in questi giorni in Regione Lombardia la candidatura di Cernusco sul Naviglio per ottenere il riconoscimento di "Distretto Urbano del Commercio" (DUC): i risultati saranno resi noti il prossimo autunno. Sono molto felice di questo passo. Davvero molto felice.

Nel concreto, di cosa stiamo parlando? Può essere una semplice candidatura fonte di soddisfazione ancor prima di conoscere il risultato finale?

Andiamo con ordine. In breve, quello di cui stiamo parlando e' un bando della Regione Lombardia a sostegno del commercio locale attraverso contributi economici a fondo perduto destinati per il 50% all'Amministrazione Comunale per opere pubbliche inserite nel perimetro territoriale individuato come distretto del commercio e per il 50% direttamente ai negozianti per migliorie strutturali apportate al proprio esercizio commerciale. Una contribuzione paritaria a pubblico e privato a patto che pubblico e privato dimostrino di saper lavorare nella stessa direzione intorno ad un progetto anche di marketing per valorizzare il tessuto commerciale cittadino. Questo bando prevede fondi per poco più di 14 milioni di euro, di cui circa 7 milioni destinati a nuovi distretti per un importo massimo di 300.000 euro per distretto. Per tentare di vincere il bando la persona dell'ufficio risorse e progetti del Comune ha lavorato su questo progetto per 2 mesi, con i contributi dell'Ufficio Commercio e dell'Ufficio Comunicazione e unitamente ad una consulenza esterna costata al Comune 5.000 euro.

Perché sono felice anche se non abbiamo ancora vinto (e non sapremo se vinceremo)?

Innanzitutto perché e' stato messo al centro della progettualità del Comune il commercio locale, esprimendo appieno ed esplicitamente la volontà di considerarlo una risorsa per la città. Mentre altri paesi hanno investito sui centri commerciali, noi cerchiamo di salvaguardare i negozi di vicinato e il loro valore per la città.

Poi, perché il progetto e' stato firmato dal Sindaco, dall'Unione Commercianti della Provincia di Milano, dal Credito Cooperativo di Cernusco, dalla Pro Loco della nostra città, da Afol e da 19 commercianti, segno di un lavoro collettivo, fatto insieme, per la città.

Ancora, perché questo lavoro ha rappresentato un ulteriore passo, ma decisamente molto più importante dei precedenti, per integrare le iniziative di animazione della città realizzate per il commercio con quelle realizzate a prescindere e per realizzarne di nuove; in generale tutto questo progetto di DUC di Cenusco - che abbiamo chiamato "Shopping in famiglia" - si inserisce nella visione di Cernusco appunto come città a misura di famiglia, così come la stiamo costruendo e la vogliamo costruire anche per il futuro.

Inoltre, perché il documento prevede lo sviluppo di un piano di comunicazione a sostegno del commercio: era un obiettivo che abbiamo tentato di perseguire con i commercianti fin dallo "Shopping sotto la cometa" dello scorso inverno, così prenderebbe un impulso sprint.

Infine, perché la partecipazione a questo bando per diventare Distretto del Commercio era una delle idee che l'Unione Commercianti - per voce del suo Presidente Enzo Tufo, lui stesso fondamentale con il suo lavoro istituzionale per poter presentare la candidatura di Cernusco - mi illustro' lo scorso luglio, pochi giorni dopo la mia nomina ad Assessore: sono contento di vederla realizzata un anno dopo.

Una nota finale sul nome del progetto: "DUC di Cernusco sul Naviglio - Shopping in famiglia". Nella sua semplicità esprime l'idea di famiglia secondo 3 prospettive tutte riconducibili a Cernusco e ai suoi negozi: il target-famiglia, a cui principalmente si rivolgono i commercianti cernuschesi; il fatto che molti negozi di Cernusco sono ancora gestiti dalle famiglie (magari dai figli) che li hanno fondati; il rapporto familiare che si crea tra negoziante e cliente, presupposto per un clima di acquisto positivo e duraturo rispetto a tanti luoghi d'acquisto impersonali.

Ora attendiamo di conoscere l'esito del bando il prossimo autunno, nella speranza di poterne sviluppare appieno i contenuti. Intanto la soddisfazione di averci provato.

giovedì 23 giugno 2011

L'HOCKEY A CERNUSCO DIVENTA UNO

Mi piacerebbe che non passasse sottotraccia la notizia della fusione - dalla prossima stagione sportiva - delle due storiche società di hockey di Cernusco: Hockey Cernusco (maschile) e Hockey Martesana (femminile). Credo non sia mai facile per due associazioni storiche (queste in particolare sono nate rispettivamente nel 1967 e nel 1981) decidere di compiere un passo così importante, anche se le storie possono essere state in larga parte comuni: siginifica abbandonare consuetudini e tradizioni, immaginare un nuovo percorso, rinunciare ad un po' di autonomia. Se la motivazione è però la realizzazione di un progetto più grande, se l'unione può dar vita a nuove sinergie, se si aprono potenzialità ottimizzazioni nell'uso degli spazi prima nemmeno ipotizzabili, allora tutto diventa una sfida che vale la pena giocare.

Giusto un anno fa compivano questo passo le Associazioni Sportive degli Oratori della città: da GSO Paolo VI e AS Sacer a ASO Cernusco. Hanno terminato la stagione con oltre 1.000 (mille!) iscritti impegnati a praticare sport in 3 strutture diverse in città. Ora è la volta dell'Hockey, che unisce le forze nella gestione del centro sportivo di via Boccaccio e si prepara per lo sviluppo del Centro Federale. Potrebbe essere una prospettiva per altre discipline sportive che ora si concretizzano in città in più associazioni (35 discipline praticate, 45 Associazioni Sportive) ma che invece potrebbero unirsi intorno ad un progetto più importante. Senza impegno, come parte di una discussione più ampia, magari varrebbe la pena di farci un ragionamento a medio termine con i protagonisti.

martedì 14 giugno 2011

PARLIAMO DI SPORT A CERNUSCO AL FUTURO



Il prossimo venerdì 17 Giugno, dalle 21.00 alle 22.00, sarò ospite della Festa del PD Cernuschese (Centro Sportivo di via Goldoni) per parlare dello sport nella nostra città.

Il tema proposto e' "Cernusco verso il 2012: quale città immaginiamo per il 2017?": sara' un incontro assolutamente informale per scambiarci qualche idea sulla Cernusco sportiva del futuro (impianti, regole condivise, ruolo della Consulta, ecc.), anche partendo dal cammino di "I sport Cernusco" iniziato quest'anno.

Mi farebbe piacere ci fossero i protagonisti del mondo sportivo cernuschese: dirigenti, allenatori, magari qualche atleta, semplicemente cittadini interessati ad una parte - la pratica sportiva - così importante della città.


Le occasioni di confronto sono sempre momenti di crescita.

Poi magari ci beviamo qualcosa insieme :-)